Banner di INNrete

Registro delle imprese - collegamento telematico - CCIAA di Caserta

Menù di navigazione rapido

Logo della Camera di Commercio di Caserta

[Stampa]

Registro delle imprese - collegamento telematico

TELEMACO

E’ il servizio che consente di trasmettere telematicamente al registro delle imprese denunce e domande di iscrizione/modifiche/cancellazione e di ottenere via internet visure, certificati e copia atti. Per l'utilizzo è necessario registrarsi sul sito www.registroimprese.it
TELEMACO PAY

Telemaco Pay è un contratto che intercorre tra il richiedente e la Camera di Commercio d’interesse.
Consente di fruire on-line delle funzioni sopra indicate, versando i relativi diritti di segreteria e i costi di trasmissione mediante pagamento on-line con carta di credito (gli importi sono indicati nel listino allegato al contratto).
N.B. I titolari di contratto Telemaco-Pay potranno richiedere anche i certificati e fornirsi presso questo Ente di carta filigranata e bollini al costo di seguito indicato:

  • carta filigranata: /1000 = € 25,00 + IVA
  • bollini: /40 = € 1,00 + IVA

Coloro che intendono accedere al sistema dovranno produrre il contratto in duplice copia e una nota indirizzata a questa Camera di commercio nella quale indicare il nominativo o i nominativi da abilitare.
Si raccomanda di leggere attentamente le condizioni di contratto.

Scarica la proposta di adesione ai servizi sul sito www.registroimprese.it

Informazioni, sede, orari

Responsabile del procedimento:

dott.ssa Patrizia Marciano
Tel. 0823.249344
e-mail:patrizia.marciano@ce.camcom.it

Sede:
Via Roma, 75 - piano terra

Orario di apertura al pubblico:
da lunedì a venerdì ore 8.45 - 11.45
martedì e giovedì ore 15.00 - 15.45

 

 

Invia ad un amico

 

Data di redazione: 26/2/2013

 

[Stampa]

[Stampa]

Firma digitale

Si comunica che, dal 15 maggio scorso, la Camera di Commercio di Caserta ha cambiato Autorità di certificazione. Aruba PEC s.p.a. è la nuova Autorità di certificazione.
Per continuare l'attività di Incaricato alla registrazione è, quindi, necessario sottoscrivere una nuova lettera di incarico la cui modulistica può essere ritirata presso l'apposito sportello o scaricata(persona fisica - persona giuridica).
Tutti i dispositivi di firma digitale rilasciati prima del 15/05/2012 rimangono validi: non occorre procedere ad una nuova emissione, possono essere utilizzati fino alla loro naturale scadenza,nonchè rinnovati prima della loro scadenza.
Si informa che l'ufficio Firma digitale riceve su appuntamento. Per fissare un appuntamento telefonare al n. 0823249286 nei normali orari di ufficio.

Sono disponibili on line i documenti sotto indicati che sono da intendersi quale parte integrante e sostanziale della proposta di incarico:

-   “Manuale Operativo Carta Nazionale Servizi - CA ArubaPEC”, emesso dalla Camera di Commercio e reperibile sul sito www.card.infocamere.it, che disciplina le modalità di rilascio e di gestione del certificato di autenticazione, nonché i diritti, gli impegni e le correlate responsabilità;

-   “Manuale Operativo Servizio di certificazione digitale”,emesso da ARUBA PEC S.p.A. e reperibile sul sito https://ca.arubapec.it, che disciplina le modalità di rilascio e di gestione del certificato di sottoscrizione, nonché i diritti, gli impegni e le correlate responsabilità;

La firma digitale consente di:

  • sottoscrivere un documento informatico;
  • verificare, da parte del destinatario, l’identità del firmatario;
  • garantire sicurezza sulla provenienza del documento;
  • dare certezza che l’informazione contenuta nel documento non sia stata alterata.

Normativa di riferimento
Legge n. 59 del 15/03/1997
Legge n. 340 del 24/11/2000
DPR n. 445 del 28/12/2000

Informazioni, sede, orari

Responsabile del procedimento:

dott.ssa Patrizia Marciano
Tel. 0823 249344
e-mail: patrizia.marciano@ce.camcom.it

Sede:
Via Roma, 75 - piano terra

Orario di apertura al pubblico:
da lunedì a venerdì ore 8.45 - 11.45
martedì e giovedì ore 15.00 - 15.45

 

 

Invia ad un amico

 

Data di redazione: 28/11/2012

 

[Stampa]

[Stampa]

Post Card

Dal 15 maggio la Camera di Commercio procede al rilascio di nuovi dispositivi di firma digitale per conto dell'Ente Certificatore Arubapec spa, ed intende avvalersi di incaricati alla registrazione per lo svolgimento delle attività di rilascio di certificati digitali di autenticazione e di sottoscrizione.
Il servizio, la cui finalità è quella di ridurre per l'utenza i tempi di attesa necessari alle operazioni per il rilascio allo sportello dei dispositivi digitali, prevede una netta separazione temporale tra la fase di richiesta e quella di emissione e consegna della card.
Il servizio, a cui possono aderire tutti gli studi professionali interessati o le Associazioni di categoria, funziona nel seguente modo:
Lo studio o l'associazione che hanno espresso la volontà di aderire con la sottoscrizione del Modulo di accettazione, diventano Incaricati alla Registrazione del cliente richiedente il dispositivo di firma digitale.
Identificano il soggetto e compilano gli appositi "modelli di richiesta" con i dati anagrafici del richiedente la card e con gli altri dati necessari al rilascio
Inoltrano la documentazione presso la Camera di Commercio, successivamente ritirano le card richieste che vengono consegnate al titolare.

Modalità di adesione

E' necessario, previo appuntamento telefonico al n. 0823/249286 con il sig. Domenico Sorbo oppure tramite e-mail: rao@ce.camcom.it, aderire alla proposta di incarico mediante sottoscrizione del Modulo di accettazione da firmare a cura dell'incaricato alla registrazione e consegnare alla Camera unitamente all'atto di nomina di incaricato del trattamento dati personali che potrà essere sottoscritto al momento della consegna presso l'ufficio di registrazione.

N.B. Per chi ha già aderito al servizio è necessario integrare il precedente incarico con il nuovo Mandato.

Modulistica (formato pdf ) ARUBAPEC

Modulistica (formato pdf ) INFOCERT - per gli utenti in possesso dei vecchi dispositivi

 

 

Invia ad un amico

 

Data di redazione: 19/10/2012

 

[Stampa]

[Stampa]

CNS: Carta Nazionale Servizi

cns

Che cos'è la Carta Nazionale dei Servizi

Il D.P.R. 2 marzo 2004 n. 117 definisce la Carta Nazionale dei Servizi come "il documento rilasciato su supporto informatico per consentire l'accesso per via telematica ai servizi erogati dalle pubbliche amministrazioni".
La Carta Nazionale dei Servizi (CNS) è un dispositivo elettronico (smart card), simile ad una carta di credito, con un microchip contente un certificato di autenticazione personale, e un certificato di sottoscrizione. Il certificato di autenticazione contiene i dati identificativi della persona e permette l'identificazione in rete del titolare della carta in modalità sicura. Il certificato di sottoscrizione invece, permette di utilizzare la CNS per firmare digitalmente. Ogni CNS è dotata di un PIN di 8 cifre.

Grazie alla CNS è possibile accedere telematicamente in modo sicuro ai servizi erogati in rete dalle Pubbliche Amministrazioni. In più, grazie al certificato di sottoscrizione può essere utilizzata per firmare digitalmente i documenti informatici fornendo agli stessi il valore legale della firma autografa.

  • Manuale operativo CNS (DAL 3/11/2011)
    La Camera di Commercio di Caserta adotta il Manuale operativo CNS-MOAR-CCIAA pubblicato nel sito internet www.card.infocamere.it e specifica che i propri dati e gli orari di apertura per le attività previste nel manuale operativo (emissione, sospensione, revoca di CNS) sono riportati in questo sito web.
  • Le guide all’uso della CNS SMART CARD sono reperibili sul sito www.card.infocamere.it


Come richiederla

La CNS può essere richiesta:

  • Su appuntamento presso gli appositi uffici del Registro delle Imprese. Per prenotare l'appuntamento telefonare al numero.0823249286. dal lunedì al venerdì dalle ore 9.00 alle ore 13.00 e, nei giorni di martedì e giovedì, dalle ore 15.00 alle ore 15.45 oppurre inviare una mail a: rao@ce.camcom.it;
  • Con al procedura post card , che ha lo scopo di ridurre i tempi di attesa per il rilascio e la registrazione della CNS, la fase di registrazione da quella di consegna del dispositivo di firma vengono separate. Con questa modalità si richiede la sottoscrizione di un mandato (a persona fisica o a persona giuridica) tra la Camera di Commercio e un Ente / Professionista (commercialista, consulente del lavoro, associazione, agenzia di pratiche, ecc), denominato "Incaricato della Registrazione CNS", che dichiara la propria disponibilità a svolgere parte delle funzioni dell'Ufficio di Registrazione e, in particolare, quella relativa all'attività di riconoscimento del soggetto richiedente.

Per il rilascio del dispositivo, il richiedente deve essere munito di documento di identità in corso di validità e del proprio codice fiscale e indirizzo di posta elettronica.

  • Per tutte le informazioni leggere il documento Procedure per il rilascio in modalità Post Card

Quanto Costa la CNS

La CNS rilasciata al primo dei legali rappresentanti di ogni società iscritta nel Registro Imprese di Caserta che ne faccia richiesta e che non abbia già ritirato una smart card è gratuita.
Per tutti gli altri soggetti interessati, è previsto un diritto di segreteria di € 25,00 a mezzo versamento sul c/c postale n. 13088810 intestato alla C.C.I.A.A. di Caserta, o in contanti allo sportello, anche a mezzo bancomat, avendo cura di produrre la relativa attestazione al momento della richiesta.
Cosa accade se si è gia in possesso della Smart Card
La Smart Card non cessa di funzionare e può essere mantenuta sino alla sua scadenza.
In ogni caso, alla scadenza del periodo di validità della Smart Card, sarà possibile acquistare una CNS, al posto della Smart Card.

Qual è la validità della CNS

La Carta Nazionale dei Servizi ha validità di 3 anni a partire dal giorno di emissione.

Modulistica

  • Istruzioni per l'utilizzo della CNS
  • Modulo richiesta CNS

 

 

Invia ad un amico

 

Data di redazione: 19/12/2013

 

[Stampa]

[Stampa]

Posta elettronica certificata

La Posta Elettronica Certificata (PEC) è un sistema di posta elettronica in grado di garantire il recapito certo di documenti informatici, la sua sicurezza e integrità, conferendo ad un messaggio di posta elettronica lo stesso valore di una raccomandata con ricevuta di ritorno tradizionale.

La PEC aggiunge, inoltre, la certificazione circa il contenuto del messaggio.

Al momento dell'invio di una mail PEC, il gestore PEC del mittente si occuperà di inviare al mittente una ricevuta che costituirà valore legale dell'avvenuta (o mancata) trasmissione del messaggio con precisa indicazione temporale del momento in cui la mail PEC è stata inviata.

In egual modo il gestore del destinatario, dopo aver depositato il messaggio PEC nella casella del destinatario, fornirà al mittente una ricevuta di avvenuta consegna, con l'indicazione del momento temporale nel quale tale consegna è avvenuta.

 In caso di smarrimento di una delle ricevute presenti nel sistema PEC è possibile disporre, presso i gestori del servizio, di una traccia informatica avente lo stesso valore legale in termini di invio e ricezione, per un periodo di trenta mesi.

La posta elettronica certificata, infatti, per essere tale, deve seguire le regole fissate dal DPR 68/2005 e dalle successive regole da esso previste. Queste norme, insieme ad altre (in particolare il Codice dell’Amministrazione Digitale), ne stabiliscono la validità legale, le regole e le modalità di utilizzo.

Come richiedere la PEC:

Il servizio può essere erogato esclusivamente dai gestori accreditati presso l'Ente Naizonale per la digitalizzazione della Pubblica Amministrazione (DigitPA), che è l’organo pubblico preposto al controllo della posta elettronica certificata.

L’elenco degli operatori autorizzati  CNIPA è disponibile sulo stesso sito DigitPA.

Per le modalità di comunicazione della PEC al Registro Imprese, si rimanda alle indicazioni sulla homepage.

 

Informazioni, sede, orari

Responsabile del procedimento:
dott.ssa Maria Teresa D'Alessandro
Tel. 0823 249344
e-mail: mteresa.dalessandro@ce.camcom.it

Sede:
Via Roma, 75 - piano terra

Orario di apertura al pubblico:
da lunedì a venerdì ore 8.45 - 11.45
martedì e giovedì ore 15.00 - 15.45

 

 

Invia ad un amico

 

Data di redazione: 28/11/2012

 

[Stampa]

[Stampa]

Token USB

token4

La CNS TOKEN USB è la Carta Nazionale dei Servizi (CNS) rilasciata in forma di chiavetta USB; consente l'identificazione certa dell'utente in rete e permette l'accesso ai servizi della Pubblica Amministrazione disponibili sul web. Con tale dispositivo è, altresì, possibile firmare digitalmente i documenti; inoltre la CNS rilasciata dalle Camere di commercio offre un collegamento privilegiato con il Registro delle Imprese e con il patrimonio informativo offerto dalle Camere di Commercio italiane.
La CNS TOKEN USB combina le funzionalità di un dispositivo di firma digitale "tradizionale" e di CNS con quelle di una memoria aggiuntiva, in grado di contenere i documenti ufficiali dell'impresa estratti dal Registro delle Imprese (visure, bilanci, statuto e cariche) e quelli strettamente riservati del titolare.

Le caratteristiche ed i servizi della CNS TOKEN USB sono reperibili sul sito www.card.infocamere.it .

La CNS TOKEN USB può essere richiesta:

  • Su appuntamento presso gli appositi uffici del Registro delle Imprese. Per prenotare l'appuntamento telefonare al numero.0823249286. dal lunedì al venerdì dalle ore 9.00 alle 13.00 e, nei giorni di martedì e giovedì, dalle ore 15.00 alle ore 15.45 oppurre inviare una mail a: rao@ce.camcom.it;
  • Con al procedura post card , che ha lo scopo di ridurre i tempi di attesa per il rilascio e la registrazione della CNS, la fase di registrazione da quella di consegna del dispositivo di firma vengono separate. Con questa modalità si richiede la sottoscrizione di un mandato (a persona fisica o a persona giuridica) tra la Camera di Commercio e un Ente / Professionista (commercialista, consulente del lavoro, associazione, agenzia di pratiche, ecc), denominato "Incaricato della Registrazione CNS", che dichiara la propria disponibilità a svolgere parte delle funzioni dell'Ufficio di Registrazione e, in particolare, quella relativa all'attività di riconoscimento del soggetto richiedente.

Per il rilascio del dispositivo, il richiedente deve essere munito di documento di identità in corso di validità e del proprio codice fiscale e indirizzo di posta elettronica.

 

 

Invia ad un amico

 

Data di redazione: 19/10/2012

 

[Stampa]

[Stampa]

Imposta di bollo

Registro delle imprese - imposta di bollo pratiche telematiche

Dal 17 luglio 2002, le domande, le denunce e gli atti che le accompagnano, trasmesse telematicamente o presentate su supporto informatico ai sensi dell’art. 15 della L.59/97 (documenti informatici firmati digitalmente) scontano l’imposta di bollo nella misura di € 65,00 (società' di capitali), ed € 59,00 (società di persone).
L’imposta è dovuta complessivamente per la domanda e la relativa documentazione.
Sono tenuti alla corresponsione di tale ammontare tutti i soggetti collettivi iscritti nel registro delle imprese: società, consorzi, enti pubblici, associazioni che svolgono in modo esclusivo o prevalente attività d’impresa, GEIE.
Per gli imprenditori individuali e i soggetti collettivi registrati solo nel Repertorio Economico e Amministrativo (REA) che trasmettono o presentano domande e denunce con le modalità suindicate, l’imposta di bollo è pari ad € 17,50.
Relativamente alle modalità di pagamento, essa è corrisposta in modo virtuale nei seguenti modi:

  1. direttamente al registro delle imprese di questa Camera di Commercio
    a) in cassa automatica  tramite il sistema informatico Telemaco, se la pratica è trasmessa telematicamente;
    b) in contanti o mediante versamento sul c/c postale 13088810 intestato a CCIAA di Caserta,  se la pratica è presentata su supporto informatico (floppy).

    In tali casi, nel programma FEDRA dovrà essere indicata, quale modalità di riscossione dell’imposta, quella “in entrata” e sulla distinta e sugli atti va annotata la seguente dicitura: ”Imposta di bollo assolta in modo virtuale tramite la Camera di Commercio di Caserta dalla Direzione delle Entrate di Caserta, prot.n.76374 in data 3.11.2000”

     

  2. mediante presentazione di apposita dichiarazione, da inviare al competente ufficio dell’Agenzia delle entrate (in base alla residenza o alla sede legale), contenente l’indicazione del numero presuntivo degli atti da presentare al registro delle imprese. La liquidazione dell’imposta sarà effettuata con le modalità indicate nell’art.2 del D.M. 17 maggio 2002 n.127.In tal caso, nel programma FEDRA dovrà essere indicata, quale modalità di riscossione dell’imposta, quella “all’origine”  sulla distinta e sugli atti dovrà essere annotata la dicitura:  ”Imposta di bollo assolta in modo virtuale tramite dichiarazione presentata all’ufficio dell’Agenzia delle entrate di ………., in data …………”.

     

    Novità

    E' stato pubblicato sulla G.U. n.51 del 02.03.2007 il D.M. 22.02.2007 che stabilisce i nuovi importi e le nuove modalità per l'assolvimento dell'imposta di bollo in relazione ad atti soggetti a registrazione telematica.

     

     

Normativa di riferimento
Legge n. 59 del 15/03/1997
D.M. n. 127 del 17/05/2002



Informazioni, sede, orari

Sede:
Via Roma, 75 - piano terra

Orario di apertura al pubblico:
da lunedì a venerdì ore 8.45 - 11.45
martedì e giovedì ore 15.00 - 15.45

 

 

Invia ad un amico

 

Data di redazione: 19/10/2012

 

[Stampa]

[Stampa]

Protocollo automatico

Registro delle imprese - protocollazione automatica

Dal 09/02/04 è attiva la procedura di protocollazione  automatica delle  pratiche trasmesse per via telematica al Registro delle Imprese, secondo le specifiche tecniche di seguito indicate (Decreto del Ministero delle Attività Produttive del 20/01/2004).
L’utente potrà decidere, prima di effettuare l’invio telematico, di avvalersi del suindicato sistema  che garantirà l’attribuzione del numero di protocollo( nella stessa giornata di invio, se effettuato in orario d’ufficio, o altrimenti entro il giorno lavorativo successivo), con rilascio della ricevuta di avvenuta protocollazione della pratica inviata  all’Ufficio,il quale ne curerà successivamente l’istruttoria.
Per poter essere protocollata in automatico, una pratica deve  superare i seguenti controlli:

  1. controllo sulla presenza e validità della firma digitale;
  2. controllo sulla regolarità della domanda e competenza territoriale(correttezza del formato Fedra ed esistenza posizione);
  3. addebito degli importi,come indicati dall’utente in Telemaco al momento della spedizione.

In mancanza di uno di questi requisiti la protocollazione verrà eseguita dall’ufficio secondo la procedura ordinaria (avviso di ricevimento prima e ricevuta di protocollo in seguito).

Per attivare la richiesta di protocollo automatico l’utente dovrà procedere secondo  le seguenti modalità:

1.1 Richiesta di protocollazione automatica

La procedura ha inizio nell’Applet  di “spedizione” delle pratiche telematiche  con l’apertura della seguente maschera:

protocol1_little(clicca sull'immagine per ingrandirla)

Cliccando sul  tasto spedizione pratiche, appare una finestra con la lista delle pratiche in partenza contenute nella directory C:/PRTELE/DATI

protocol2_little(clicca sull'immagine per ingrandirla)

Spuntando la casella relativa alla voce “Importi”appare la seguente maschera:

protocol3_little(clicca sull'immagine per ingrandirla)

Selezionando la casella “Attiva Prot.automatica” si attiva la richiesta  di protocollazione automatica.
Nella stessa maschera l’utente dovrà impostare gli “importi dei diritti di segreteria”, la  richiesta di “addebito del diritto annuale”(quando dovuto).
Il check di “pratica  esente da bollo” deve essere selezionato esclusivamente  quando il bollo non è dovuto.
Qualora l’utente abbia effettuato il pagamento   del diritto annuale con mod.F24 non deve essere richiesto l'addebito selezionando l'apposita casella.

protocol4_little(clicca sull'immagine per ingrandirla)

Impostati gli importi previsti e attivando l’OK,  si torna sulla maschera di spedizione.
Una volta tornati alla maschera di spedizione,nella lista appare l’indicazione che per la pratica corrente sono stati dichiarati gli importi (colonna Importi della lista) e che quindi per questa pratica viene richiesta la protocollazione automatica (vedi la maschera seguente):

protocol5_little(clicca sull'immagine per ingrandirla)

 1.2 Reinvio di una pratica già spedita

Attenzione: nell’ipotesi di pratica a rettifica di una pratica precedentemente inviata, finalizzata quindi, alla regolarizzazione di un protocollo sospeso, occorrerà selezionare la casella di Reinvio: ciò  eviterà che vengano indebitamente prelevati una seconda volta i relativi importi.

protocol6_little(clicca sull'immagine per ingrandirla)

Si segnala  che successivamente alla protocollazione automatica, l’Ufficio procederà alla normale istruttoria, per cui laddove dovesse riscontrare l’irregolarità della pratica, la stessa sarà sospesa affinché possa essere regolarizzata.

Informazioni, sede, orari

 

Sede:
Via Roma, 75 - piano terra

Orario di apertura al pubblico:
da lunedì a venerdì ore 8.45 - 11.45
martedì e giovedì ore 15.00 - 15.45

 

 

Invia ad un amico

 

Data di redazione: 19/10/2012

 

[Stampa]